Eccellenze Italiane – I corsi e i ricorsi non finiscono… E non finiranno mai! Anche per l’olio?

Proseguendo il percorso tra le eccellenze italiane, dopo una prima presentazione della “radice gentile” dell’ulivo, andiamo a spiegare il come e il perché l’olio fa bene alla salute …

In un mio articolo del 2015, scritto nel momento dell’onda sfavorevole alla carne, ricordavo l’affermazione di Giambattista Vico, filosofo napoletano del 1700, che la vita è un ciclo di corsi e ricorsi. In questo senso le età degli dei, degli eroi e degli uomini, si susseguono ciclicamente, sostiene Vico, per volontà e influsso della Provvidenza.

In parole povere, tanto per non essere troppo criptici, il Vico, gran precursore dei tempi moderni, sosteneva che alcuni accadimenti si ripetevano con le medesime modalità anche a distanza di tanto tempo; e ciò avveniva non per puro caso, ma in base a un preciso disegno superiore.

scarica-pdf

Oggi nel mondo dell’alimentazione e della salute, senza alcun intervento della Provvidenza, ma dei media, dei grandi colossi industriali, degli enti di ricerca e studio “dipendenti” ed “indipendenti”, delle industrie alimentari, di studiosi e ricercatori, di ambientalisti ed ecologisti, invece, in pieno contrasto con quanto previsto da Vico per quanto riguarda la progettualità del mondo e nel mondo, non è più la Provvidenza ma l’uomo… uomo che fa più di quanto sa e spesso non sa quello che fa.

Su questa falsa strada si inseriscono gli scandali sulla pericolosità della carne, come pure le alterne vicende tra momenti di gloria e momenti di crisi per l’olio d’oliva e per altri alimenti. Se da un lato la carne era diventata “cancerogena”, dall’altro, per quanto riguarda l’olio, era diventato “infartogeno”.

Tra “detrattori e sostenitori”, allo stomaco fa bene perché riduce la secrezione eccessiva di acido cloridrico e, a differenza degli altri grassi, vegetali e animali, non inibisce la peristalsi, cioè i movimenti funzionali alla digestione, ma anzi la stimola.

Fa bene al fegato e a tutto l’apparato epato-biliare, induce il deflusso della bile nell’intestino, favorendo una facile e rapida digestione, anche dei grassi di origine animale contenuti negli alimenti e degli stessi, poco digeribili, contenuti nell’olio di semi. Sull’intestino effettua una dolce, ma efficace azione lassativa.

Ma è proprio sull’apparato cardiovascolare, a proposito del quale assistiamo a corsi e ricorsi sfavorevoli (Vico), che esercita l’azione benefica più importante, perché previene la sclerosi e le sue conseguenze, favorendo l’azione del cosiddetto colesterolo buono (HDL), lo spazzino delle arterie.

La scoperta è avvenuta a seguito di ricerche mediche su larga scala, avviate su sollecitazioni di campagne di Assicurazioni statunitensi, allarmate dalle pesanti emorragie causate alle loro finanze dal numero di infarti del miocardio e di angina pectoris che, a partire dagli anni ’50 colpivano un numero sempre più elevato di loro assicurati.

Si fece presto a stabilire che all’origine del fenomeno era l’aterosclerosi, cioè l’accumulo di lipidi/grassi nelle arterie, soprattutto quelle coronariche che finiscono per rimanerne ostruite.

Numerosi studi ed esperienze scientifiche hanno portato a sospettare/capire che un ruolo determinante nella comparsa dell’aterosclerosi lo avessero lo stile di vita e la dieta alimentare.

Tra gli studi miranti ad accertare il legame tra colesterolo e patologie cardiovascolari è risultato fondamentale il Seven Country Study condotto nell’arco di 10 anni da Ancel Keys dell’Università del Minnesota, padre della dieta mediterranea. Dimostrò, infatti, non soltanto che la principale causa dell’aterosclerosi è l’eccesso di colesterolo, ma soprattutto che a favorirla sono i grassi di origine animale, i cosiddetti acidi grassi saturi, mentre i grassi di origine vegetale (i cosiddetti acidi grassi insaturi) esercitano un’azione protettiva anti-aterosclerotica.

La conferma è venuta poi nel 1951 dal Framingham Study, uno studio condotto su un campione significativo della popolazione della cittadina di Framingham, nel Massachuttes.

Ed è proprio a questo studio che si deve la scoperta che dai grassi di origine animale viene il colesterolo cattivo, denominato LDL, mentre dai grassi di origine vegetale viene il colesterolo buono, denominato HDL.

Quando i risultati cominciarono ad essere pubblicati, i produttori di oli di semi (in particolare di mais e di girasole), lanciarono massicce campagne pubblicitarie per diffondere tra i consumatori la convinzione che gli oli di origine vegetale, come in effetti accade, fanno ridurre il livello di colesterolo nel sangue. Ne seguì tra il 1970 e il 1990, a proposito di corsi e ricorsi il boom commerciale degli olii di semi.

L’olio d’oliva messo in ombra da questa massiccia campagna di marketing ebbe la sua rivincita qualche tempo dopo (sempre a proposito di corsi e ricorsi), quando la scienza medica accertò che non solo tiene basso il livello complessivo di colesterolo, ma a differenza degli oli di semi fa aumentare il colesterolo HDL, quello buono, e per di più, è ricco di benefici agenti antiossidanti (tocoferoli e polifenoli).

Il che significa che migliora le funzioni vitali, favorisce l’assorbimento di importanti vitamine e soprattutto è efficace per prevenire e contenere l’aterosclerosi, la sindrome metabolica, il sovrappeso, l’obesità ed anche, stando ai primi risultati di ulteriori studi in corso, previene alcune forme di tumori dell’apparato digerente e protegge dalle malattie neurodegenerative.

È stato quindi, nell’onda di ricorso positivo a favore dell’olio d’oliva, un definitivo riconoscimento scientifico a sancire la sua superiorità, di quello extravergine, nella dieta alimentare più indicata per la salute umana.

Nel XXI secolo siamo in pieno trionfo di quella che ormai è generalmente chiamata “dieta mediterranea”, nella quale i grassi necessari all’organismo sono forniti principalmente dall’olio extravergine d’oliva.

È pur vero che in questo momento assistiamo ad un’onda positiva per l’olio extravergine d’oliva, ma non è così semplice: è vero che fa bene, ma questa interpretazione è strettamente vincolata allo spirito di fondo della dieta mediterranea. Sobrietà nei consumi e nella quantità globale di calorie, sostituzione con sostanze salutari dei “veleni” come lo zucchero, accortezza nella modalità di gestione e di cottura dell’alimento tali da non renderlo tossico/cancerogeno (eccessivo surriscaldamento), preparazione del prodotto secondo regole … svelta e fredda spremuta d’olive poco mature, olive verdi, attività fisica, stile di vita complessivamente orientato ad un equilibrio tra grassi e dolci.

Oltre alla presenza di acqua, proteine, grassi, carboidrati, fibre, sali minerali e polifenoli, sono stati identificati nell’oliva dei composti specifici che per le loro proprietà nutrizionali ed effetti sulla salute sono generalmente definiti composti bioattivi. Ai ben noti acidi grassi monoinsaturi sono state riconosciute importanti funzioni sia a livello digestivo che protettivo, nella prevenzione del rischio cardiovascolare; mentre gli acidi grassi polinsaturi (PUFA, omega 3 e omega 9), sono fondamentali per lo sviluppo cerebrale e della retina, con la proprietà inoltre di agire come regolatori di funzioni vascolari e infiammatorie. Nell’oliva troviamo inoltre squalene, fitosteroli, tocoferoli (Vit. E) e terpeni ai quali sono attribuite rispettivamente proprietà antiossidanti e anticancro, efficacia nella riduzione del colesterolo, proprietà antinfiammatoria, antimicrobica e neuroprotettiva. Fra i composti bioattivi che sono di attuale oggetto di grande attenzione da parte degli studiosi di nutrizione, ma anche di tutte le altre discipline scientifiche i polifenoli: quelli derivati dalle olive sono conosciuti come biofenoli.

Una particolare attenzione merita e meriterà sempre di più la capacità di prevenire la degenerazione dei neuroni rappresentando una speranza per la prevenzione e l’attenuazione dei danni al tessuto nervoso caratteristici di malattie come il morbo di Parkinson o la malattia di Alzheimer…

Alcuni studi recenti confermano che i polifenoli possono inoltre modulare le caratteristiche della flora batterica intestinale e quindi indirettamente influenzare l’asse GUT-MICROBIOTA-BRAIN (intestino-flora batterica – cervello) o la flora batterica dei soggetti obesi, sovrappeso o portatori di sindrome metabolica.

Sono sempre più numerosi gli studi che riportano al microbiota, alla sua salvaguardia che guarda caso cammina in parallelo al miglioramento del benessere e della salute dell’uomo.

Questa particolare composizione dell’olio extravergine, lo rende il nutriente grasso più affine al grasso umano, acquisendo una posizione di assoluto privilegio nelle scelte alimentari del bambino e dell’anziano.

Nel caso del lattante l’olio extravergine d’oliva ha delle concentrazioni chimiche analoghe a quelle del latte materno, che com’è noto è la migliore prevenzione contro qualsiasi forma di malattia.

 

Ercole De Masi

Bibliografia

[1] Cascella M, Bimonte S, Barbieri A, Del Vecchio V, Caliendo D, Schiavone V, Fusco R, Granata V, Arra C, Cuomo A. Infect Agent Cancer. 2018 Jan 15;13:3. Dissecting the mechanisms and molecules underlying the potential carcinogenicity of red and processed meat in colorectal cancer (CRC): an overview on the current state of knowledge.

 

[1] Kouli GM, Panagiotakos DB, Kyrou I, Magriplis E, Georgousopoulou EN, Chrysohoou C, Tsigos C, Tousoulis D, Pitsavos C. Eur J Nutr. 2017 Nov 9. Olive oil consumption and 10-year (2002-2012) cardiovascular disease incidence: the ATTICA study.

 

[1] Alarcón de la Lastra C, Barranco MD, Martín MJ, Herrerías J, Motilva V.Dig Dis Sci. 2002 Dec; 47(12):2783-90. Extra-virgin olive oil-enriched diets reduce indomethacin-induced gastric oxidative damage in rats.

 

[1] Corona G, Spencer JP, Dessì MA. Toxicol Ind Health. 2009 May-Jun;25(4-5):285-93. Extra virgin olive oil phenolics: absorption, metabolism, and biological activities in the GI tract.

 

[1] Soto-Alarcon SA, Valenzuela R, Valenzuela A, Videla LA. Endocr Metab Immune Disord Drug Targets. 2018;18(1):75-84. Liver Protective Effects of Extra Virgin Olive Oil: Interaction between Its Chemical Composition and the Cell-signaling Pathways Involved in Protection.

 

[1] Nocella C, Cammisotto V, Fianchini L, D’Amico A, Novo M, Castellani V, Stefanini L, Violi F, Carnevale R. Endocr Metab Immune Disord Drug Targets. 2018;18(1):4-13. Extra Virgin Olive Oil and Cardiovascular Diseases: Benefits for Human Health.

 

[1] Wongwarawipat T, Papageorgiou N, Bertsias D, Siasos G, Tousoulis D. Endocr Metab Immune Disord Drug Targets. 2018;18(1):51-62. Olive Oil-related Anti-inflammatory Effects on Atherosclerosis: Potential Clinical Implications.

 

[1] Victor VM1, Rocha M, Solá E, Bañuls C, Garcia-Malpartida K, Hernández-Mijares A.Curr Pharm Des. 2009;15(26):2988-3002. Oxidative stress, endothelial dysfunction and atherosclerosis.

 

[1] Perales-Torres AL, Castillo-Ruíz O, Castañeda Licón MT, Alemán-Castillo SE, Jiménez Andrade JM. Arch Cardiol Mex. 2016 Oct – Dec;86(4):326-334. Diabetes and type of diet as determinant factor in the progression of atherosclerosis.

 

[1] Menotti A, Puddu PE. Epidemiol Prev. 2015 Sep-Dec;39(5-6):285-8. Historic origins of the mediterranean diet: the Seven Countries Study of Cardiovascular Diseases.

 

[1] Yang B.Discov Med. 2005 Feb;5(25): 104-11. A change of heart: how the people of framingham, massachusetts, helped unravel the mysteries of cardiovascular disease.

 

[1] Gordon T, Kannel WB, Castelli WP, Dawber TR. Arch Intern Med. 1981 Aug;141(9):1128-31. Lipoproteins, cardiovascular disease, and death. The Framingham study.

 

[1] Ambra R, Natella F, Lucchetti S, Forte V, Pastore G. Int J Food Sci Nutr. 2017 Aug;68(5):538-545. α-Tocopherol, β-carotene, lutein, squalene and secoiridoids in seven monocultivar Italian extra-virgin olive oils.